Xin Ren Xiang Dancong

Il suo nome significa mandorla e questo cultivar, il Xin Ren Xiang è uno dei classici di Fenghuang. Prodotto nella primavera del 2016 a Wudong è un tè assolutamente affascinante.

A mio avviso la caratteristica di un buon Phoenix dancong è quella di creare una perfetta sinergia con l’acqua e renderla morbida, vellutata e quasi densa e gelatinosa. Se devo pensare ad un termine che possa raccontare questi tè a chi non li conosce di sicuro è la parola “purezza”, sono tè puri, puliti, dagli aromi freschi e ben definiti, riescono a imitare perfettamente l’aroma del loro nome. Sono i tè che in assoluto mi stimolano di più il Cha Qi, con la loro magica purezza e fluidità scivolano in gola e sono l’ode a quello che un grande tè deve essere.

I dancong si possono suddividere in due categorie principali, quelli da alberi semi selvatici che hanno fra gli 80 e i 200 anni circa e quelli preziosissimi da alberi molto più antichi. Nella regione dei monti della Fenice in realtà si trovano anche le piantagioni, ma i tè provenienti da arbusti coltivati non dovrebbero chiamarsi dancong, in quanto dancong significa unico arbusto e quindi da un unico albero deriva una pila di tè che non va miscelata con le foglie di un altro albero.

A Wudong il terreno è rosso argilloso, ricco di Ferro e sali minerali, gli alberi crescono lentamente, senza venire fertilizzati o trattati, in modo selvatico; crescendo le cellule diminuiscono di dimensione e gli aromi in esse diventano più intensi e concentrati, una volta imparato a riconoscerne il sapore, non si torna più indietro da un albero antico. Questi minerali assorbiti dalle piante rendono umami e dolce il liquore dei dancong, ma è un umami diverso dalla mineralità di Wuyi, assolutamente unico e riconoscibile.

Questo Xin Ren Xiang viene prodotto a Wudong shan, a circa 1000 m da alberi di circa 80-100 anni. Dalla lavorazione molto verde e poco ossidato, presenta aromi esotici di ananas molto agrodolci, quasi la sensazione piccante dell’ananas maturo sulla lingua. Retrogusto di mandorla, albicocca e incenso, l’incenso rimane a lungo nella teiera, sembra un tè da tempio. La natura rinfrescante di questo tè lo rende ancora adatto alla stagione e alla preparazione a freddo.

Questo Xin Ren Xiang è sicuramente uno dei miei dancong preferiti, e lo trovate in quantità limitate presso il mio teashop :https://www.facebook.com/lafinestrasulte/